LA NOSTRA STORIA

You are here:

IERI

la sfida della
comunicazione

in mobilità

È il 1993. Daniele Frenquelli, allora unico addetto, fonda la Microtel. Siamo nell’era del “sistema delle Telecomunicazioni regolato”, con il monopolio di SIP, unico gestore italiano. La liberalizzazione del mercato avviene da lì a poco, nel 1995. In questi anni la tecnologia è esclusivamente wired analogicae l’informazione viaggia attraverso un supporto fisso, come il doppino telefonico o il cavo coassiale.Seppure proprio il 30 Aprile 1993 in Italia viene reso pubblica dal CERN la tecnologia alla base del World Wide Web, la rete Internet e le sue implicazioni sociali e produttive sono ancora in embrione.

L’esigenza principale delle aziende è già, allora come oggi, la comunicazione in mobilità, anytime and anywhere, in qualsiasi momento e in ogni luogo.Non esiste ancora l’integrazione tra telefonia fissa e telefonia mobile, che, in pochissimo tempo, diventerà la norma piùttosto che l’eccezione.

La rete mobile non è ancora tanto diffusa da rispondere alle esigenze delle aziende e forse non sono ancora visibili le sue enormi potenzialità e vengono prodotti sistemi di comunicazione cordless, anche a lunga distanza, che cercano di soddisfare l’esigenza di comunicazione in mobilità delle aziende, anche se di efficacia molto limitata.

Microtel si presenta già dalla nascita come realtà innovativa sul fronte delle TLC aziendali proponendo e installando i primi sistemi di comunicazione interni digitali ibridi e ISDN associati ad apparati cordless che permettono di raggiungere coperture molto ampie, rispondendo alle richieste sempre più pressanti di flessibilità mobilità e continuità dei clienti.

Gli ANNI 2000

e l’integrazione
dei sistemi

di ICT

Gli anni 2000 dettano il passaggio dalla comunicazione wired analogica a quella digitale.

La disponibilità di accessi sempre più veloci alla rete passando dalle connessioni ISDN e V.90 alle attuali connessioni a banda larga tramite i primi sistemi DSL da parte di computer di utenti privati ma soprattutto aziende porta al boom degli anni 2000 con centinaia di milioni di connessioni in rete. Grazie all’ISDN prima e poi al VoIP la nascente rete digitale permette una maggiore ricchezza di risorse, flessibilità e versatilità nel progettare sistemi più efficienti e robusti. I sistemi digitali sono in grado di trasportare voce, video e dati, rivoluzionando il mondo delle TLC.

Il centralino telefonico non è più un device ma si trasforma progressivamente in uno dei server all’interno del CED aziendale, con un altissimo livello di configurabilità. In questi anni si assiste anche all’evoluzione dei cellulari con Internet mobile a banda larga.

Nel 2005 viene presentato il rivoluzionario Blackberry 7270 che permette di controllare la posta elettronica in mobilità. Nel 2008 esce sul mercato il primo iPhone che cambierà la storia dei telefoni cellulari, diventati oggi delle vere postazioni di lavoro in mobilità.

L’esigenza delle aziende del terzo millennio e il focus della Microtel si sposta prima sulla customizzazione e personalizzazione dei servizi di comunicazione che devono essere sempre più verticali e rispondenti a esigenze specifiche dei diversi settori e dei diversi processi e quindi alla piena integrazione dei sistemi di ICT nei processi aziendali.

L’integrazione dei diversi sistemi ICT (telecomunicazioni fisse e mobili, ERP, CRM) e la personalizzazione delle soluzioni proposte sono la carta vincente della Microtel del 2000. L’azienda si è trasformata in una realtà strutturata e consolidata con oltre 15 tra addetti tecnici telefonici, informatici, sviluppatori e consulenti specializzati.

L’obiettivo non è più solo quello di fornire servizi di TLC proponendo le tecnologie e le risorse più adatte tra quelle rese disponibili dai vari operatori, ma soprattutto quello di entrare all’interno dei processi aziendali dei clienti per comprenderli appieno e quindi per ottimizzarne i flussi delle chiamate in ingresso e in uscita e ottenere così massima efficienza ed affidabilità

UNIFIED

COMMUNICATION
già OGGI
la tecnologia

di DOMANI

La nuova sfida che Microtel si trova oggi ad affrontare, proseguendo il processo di avvicinamento alle complessive necessità dei propri clienti diventa quella dell’integrazione funzionale di tutte le possibili forme di comunicazione implementabili in una rete aziendale, finalizzata alla crescita del business del cliente.

Conferenza audio e/o video, messaggistica (chat, email, SMS, voicemail), comunicazione voce telefonica (tradizionale o su IP), estensione del sistema aziendale a terminali mobili (smartphone, tablet, notebook) e integrazione con funzioni di collaborazione (condivisione documenti, lavagne interattive) sono le nuove armi da mettere a disposizione.

Per rispondere a questa esigenza ed aiutare le aziende ad essere pronte ad affrontare le sfide del mercato di domani abbiamo scelto di specializzarci nell’integrazione delle piattaforme di Unified Communication and Collaboration (UCC). con i sistemi aziendali.

Crediamo fermamente che il futuro delle comunicazioni in ambito aziendale sarà sempre più slegato dai tradizionali device (apparecchi telefonici) ancora oggi presenti in tutte le postazioni di lavoro che saranno progressivamente sostituiti da diversi terminali mobili aziendali o personali (b.y.o.d.) più performanti e sempre disponibili in ogni specifica situazione (desktop, smartphone, tablet, notebook).

Lo stesso “centralino telefonico” ancora presente come entità fisica in molte aziende evolverà, come già accaduto a molte infrastrutture informatiche, verso la totale dematerializzazione con grande vantaggio delle performance e soprattutto della continuità di esercizio verso soluzioni Cloud based.

Gli indiscutibili pregi della tecnologia Cloud consentiranno alle aziende, unitamente alle piattaforme di UCC, di abbattere totalmente i costi infrastrutturali in hardware ottenendo come vantaggio caratteristico della tecnologia, maggiori risorse, maggiore flessibilità e ricchezza di informazioni ma soprattutto la massima sicurezza di continuità operativa oggi disponibile.

Per arrivare ad essere riconosciuti oggi come partner tecnologico in grado di facilitare la crescita del business delle imprese, è stato necessario sviluppare elevatissime competenze verticali nelle tecnologie da implementare e perseguire una continua formazione, ricerca e sperimentazione delle migliori, più attuali e più efficaci soluzioni esistenti

Daniele Frenquelli, Amministratore Microtel Srl